Susan Abulhawa

Susan Abulhawa

Babel 2011, Palestina
«In un tempo lontano, prima che la storia marciasse per le colline e annientasse presente e futuro, prima che il vento afferrasse la terra per un angolo e le scrollasse via nome e identità, prima della nascita di Amal, un paesino a est di Haifa viveva tranquillo di fichi e olive, di frontiere aperte e di sole».
da Ogni mattina a Jenin, traduzione di Silvia Rota Sperti, Feltrinelli

babel_cat_small