Sulaiman Addonia

Sulaiman Addonia

Sulaiman Addonia e Saleh Addonia sono nati in Eritrea da madre eritrea e padre etiope. Dopo il massacro di Om Hajar del 1976, sono cresciuti in un campo profughi in Sudan. Hanno trascorso gli anni dell’adolescenza in Arabia Saudita e sono arrivati a Londra come rifugiati 20 anni fa. Sono entrambi cittadini britannici.
Sulaiman ha pubblicato un romanzo, The Consequences of Love, pubblicato in Italia da Sperling & Kupfer con il titolo Gli amanti del Mar Rosso, tradotto in più di 20 lingue e finalista al Premio del Commonwealth. Ha appena concluso il suo nuovo romanzo, che uscirà nel 2017.

«La sera che il legale del campo profughi annunciò il processo contro Saba, io ero seduto davanti al mio schermo. Cinema Silenzioso. Attraverso lo schermo osservavo la luna piena che brillava sul campo e il legale che percorreva i viottoli polverosi sul suo asino, un’ombra che scivolava tra le capanne. Col megafono annunciava l’inizio del processo più importante di tutta la storia del campo».
Da: Sulaiman Addonia, da Saba, inedito, traduzione di Babel

Eritrea > Sudan > Arabia Saudita > Londra, time and again.
Due fratelli, entrambi scrittori, si confrontano in modi estremamente diversi con il bagaglio di esperienze possibili e ricordi impossibili che costituisce il loro passato comune.

Teatro Sociale, sabato 17 settembre, ore 14.00

babel_cat_small