Flavio Santi

Flavio Santi

con Kei Miller

Teatro Sociale, domenica 14 settembre, ore 17.30

Flavio Santi è scrittore e poeta. Tra i libri di poesia: Rimis te sachete (Marsilio, 2001), Mappe del genere umano (Scheiwiller, 2012). Tra i romanzi: Diario di bordo della rosa (PeQuod, 1999), L’eterna notte dei Bosconero (Rizzoli, 2006), Aspetta primavera, Lucky (Socrates, 2011, candidato al Premio Strega 2011), Il tai e l’arte di girovagare in motocicletta (Laterza, 2011). Traduttore di autori classici e moderni, tra cui Balzac, Celan, Fitzgerald, Melville.

«Un lucente canto di luce non parla
la lingua di tutti i giorni.
A dir la verità all’inizio non so mai
cosa mi può succedere con questo paese –
come potrei iniziare ad ascoltare me stesso
attraverso le orecchie altrui,
come potrei iniziare a mettere le parole in fila
e scambiare quelle che ho in mente
con quelle che credo capirete,
finché non diventerà naturale, questo modo di parlare
lento e attento, questo parlare come il camminare di un uomo
che si ritrova in una strada a lui ignota,
che cerca in tutti i modi di sembrare a suo agio,
di non preoccuparsi. E forse non c’è niente di sbagliato
in questo parlare artificiale, tranne che
non è il modo per cantare».

Kei Miller, da: Asimmetrici arcipelaghi. Scrittori caraibici contemporanei, Cascio editore 2014, traduzione di Flavio Santi

babel_cat_small