Arno Camenisch

Arno Camenisch

Nato e cresciuto a Tavanasa nei Grigioni, scrive in tedesco e in romancio sursilvano. Ha studiato all’Istituto svizzero di letteratura di Bienne, città in cui vive e lavora. È tradotto in diciotto lingue e ha ricevuto svariati riconoscimenti, tra cui il Premio Hölderlin, il Premio federale di letteratura, il Premio bernese di letteratura e il Premio Schiller ZKB. Roberta Gado ha tradotto Sez Ner per Casagrande e Dietro la stazione e Ustrinkata per Keller. È membro del collettivo spoken word Bern ist Überall.

«Come tenerlo vispo, questa è la domanda principe, dice l’Otto. Sì, dice la Silvia, prendersi un po’ cura appunto, è tutta questione di come lo tieni, e poi vedi che uno non lo gettano nella disgrazia, un’attenzione ogni tanto forse non sarebbe chiedere troppo, dice la zia, ma di queste cose non ne capiscono granché quelli che aprono la latta dei ravioli con l’ascia».

Da: Ustrinkata, Keller editore, 2014, traduzione di Roberta Gado.

«Dobbiamo all’editore Keller di Rovereto molte buone scoperte, e ora anche questo gioiello di uno scrittore dei Grigioni, piccola patria appartata e montana che confina con la nostra e che la nostra ignora. Vi si parla il romancio, e Camenisch, 35 anni, scrive in un tedesco misto di romancio, tradotto genialmente in un italiano misto di tedesco e romancio da Roberta Gado». Goffredo Fofi, «Internazionale»

Con Roberta Gado.

Teatro Sociale, domenica 20 settembre, ore 14.00

 

babel_cat_small