Home

News

Il Premio Babel-BooksinItaly 2017 è stato assegnato al traduttore tedesco Moshe Kahn.

La premiazione si è svolta il 18 novembre al Laboratorio Formentini per l’editoria in occasione di BookCity Milano.

 


Babel 2017 – Aldilà

14-17 settembre 2017

La traduzione attraversa le letterature, le letterature attraversano infiniti mondi. Quest’anno Babel attraversa il confine ultimo e ospita scrittori che, da tutto il mondo e in lingue diverse, con ironia o con rabbia, cauti o innamorati, hanno dato voce alle presenze silenziose e prestato luce alle ombre. Babel è aldilà.

Gli scrittori che compiuto il grande viaggio arrivano a Bellinzona sono Yu Hua e Xiaolu Guo, Éric Chevillard, Marie NDiaye, Susana Moreira Marques, John Freeman e Franco Buffoni, Abdelfattah Kilito, e Ugo Cornia, Daniele Benati e Viola Di Grado [continua]

>> Il programma
>> La parola oltre i confini
>> Oltre i confini della parola

 


Workshop di traduzione letteraria

inglese-italiano
Bellinzona (CH) 14-17 settembre 2017

francese–italiano
Bellinzona (CH) 15-17 settembre 2017

Per il workshop di traduzione dall’inglese gli studenti potranno lavorare con Franca Cavagnoli per la prosa e con Matteo Campagnoli per la poesia. Il workshop dal francese, dedicato alla prosa, sarà tenuto da Antonella Conti.
Tra gli autori trattati, John Freeman e Marie NDiaye, che saranno tra gli ospiti del festival e interverranno alle lezioni.
Ad accompagnare i laboratori, una lezione di teoria della traduzione tenuta da Franca Cavagnoli. [continua]

 


Premio Babel-Booksinitaly 2017

La seconda edizione del premio Babel-BooksinItaly è dedicata a un traduttore letterario straniero a coronamento di una carriera dedicata alla traduzione di autori italiani.

La Giuria è composta da Ilide Carmignani, Franca Cavagnoli, Yasmina Mélaouah e Ada Vigliani.

Il Premio Babel-Booksinitaly è reso possibile grazia alla collaborazione con il Laboratorio Formentini per l’editoria, Booksinitaly e la Casa dei traduttori di Looren.

>> vai alla pagina del Premio
>> scarica il bando dell’edizione 2017

 


Specimen. The Babel Review of Translations

Specimen è la prima rivista online intensamente tipografica e interamente multilingue, che persegue la seconda lingua in tutte le sue forme, perché la traduzione, il plurilinguismo, le ecolalie e l’ospitalità linguistica moltiplicano gli strati del linguaggio e pronunciano le trasformazioni, ci doppiano, ci triplicano, ci danno una seconda possibilità. [continua]

>> vai a Specimen

 


Babel Books

Il lavoro di ricerca svolto dal festival Babel porta ogni anno a scoprire testi, contesti, idee, autori affascinanti e inediti: col passare del tempo Babel ha trovato sempre più partner interessati a queste scoperte, che possono così tradursi in filmati, interviste o articoli, e soprattutto in libri.

Sono nate così la collana «Alfabeti Babel» delle Edizioni Casagrande e le collaborazioni con Humboldt Books e Cascio editore.

>> scopri i libri Babel

 

Stampa
Babel London

Per il suo decimo anniversario Babel ha letteralmente attraversato le frontiere, curando un’edizione del festival in un contesto metropolitano, dove innumerevoli culture vivono fianco a fianco, e dove diverse tradizioni culturali e linguistiche si incontrano e si evitano, coloratissime e intricate come le linee della metropolitana.

Babel ha invitato scrittori, artisti e traduttori delle culture ospitate nel corso dei suoi dieci anni. Lo straordinario Wilton’s Music Hall ha visto sul palco Adam Zagajewski con Matteo Campagnoli, Aleksandar Hemon con Maurizia Balmelli, Xiaolu Guo con Ma Jian, e Philippe Rahmy, Vanni Bianconi, Chloe Aridjis, The Pussywarmers. [continua]

 

>> guarda i video delle scorse edizioni

 

Babel è il festival letterario centrato sulla traduzione, sia in senso stretto – scrittori che hanno uno stretto rapporto con più lingue o più culture a dialogo con i loro traduttori italiani, laboratori di traduzione, traduzioni tra le arti e pubblicazione di libri – sia come metafora di ospitalità linguistica, attraversamento e incontro.

Ogni anno Babel invita una lingua ospite, e questa si presenta sotto forma di scrittori, artisti, musicisti e traduttori: l’ungherese, le lingue balcaniche, gli inglesi uniti d’America, il russo, lo spagnolo messicano, le lingue della palestina, il polaccoil francese d’Africa e le lingue delle Antille, con ospiti come Derek Walcott, Amitav Ghosh, Mourid Barghouthi, Adam Zagajewski, Linton Kwesi Johnson, Ismail Kadaré, Jamaica Kincaid, Ma Jian, Ljudmila Ulickaja, Ruben Gallego, Paco Ignacio Taibo II, The Tiger Lillies, West-Eastern Divan Orchestra e András Keller.

Accanto alla programmazione letteraria, denominata «La parola oltre i confini», con «Oltre i confini della parola» Babel estende la sua ricerca agli altri linguaggi artistici. Completano il festival il Settore ricerca, Scuole, extraBabel, infraBabel.

Babel ha vinto il Premio svizzero di letteratura 2013 per la traduzione e mediazione letteraria e il Premio della Giuria

 

PRH_logo_DE_CMYKBzonaOrizG+Nfondazione-NewLogojanMICHALSKI

logo_skf_franCoop_Cultura

IIC-colore-zurigo   

Dicastero servizi sociali e Dicastero educazione e cultura della città di Bellinzona

Con il contributo del Cantone Ticino derivante dall’Aiuto federale per la salvaguardia e promozione della lingua e della cultura romancia e italiana

 

Partner logistici

 HOI_Logotipo_FINALELOGO_HelsanaGRIGIO

Media partner

HULOGO_Rete2

babel_cat_small