Home

Trinidad, Cuba, Jamaica, Martinique, Haiti, Republica Dominicana, Bahamas

11-14 settembre 2014
Nel 2014 Babel ha invitato gli scrittori delle Antille: un crogiolo di razze e di culture le cui radici storiche affondano profonde in Africa e in Europa, ma le cui ramificazioni si spingono verso le Americhe e il mondo intero. O meglio, come mangrovie, si radicano e ramificano nel mare reagendo all’incessante cambiamento delle correnti e delle maree con una capacità di adattamento, aggregazione, ribellione e riconquista unica al mondo. Dallo spagnolo di Cuba e della Repubblica Dominicana al francese di Haiti e della Martinica, all’inglese di Trinidad&Tobago e della Giamaica all’olandese di Curacao, al portoghese, al hindi, al cinese, alla varietà di patois e creoli, le lingue delle Antille rispecchiano questo ricchissimo e drammatico groviglio di influssi diversi. Gli autori di Babel 2014 sono Earl Lovelace, Lyonel Trouillot, Abilio Estévez, Elizabeth Walcott-Hackshaw, Rita Indiana Hernandez, Patrick Chamoiseau, Robert Antoni, Kei Miller, Bern ist Überall.

- – - – - – -

News
 

Istituto svizzero di Roma: Lo sguardo dello straniero
L’ISR organizza una visita di in alcuni luoghi romani sotto la guida degli scrittori Sofiane Hadjadj e Philippe Rahmy, il 15 ottobre. L’escursione sarà seguita da una lettura pubblica: come leggere un luogo, e come scriverlo ? Sotto quale angolo avvicinarlo ? Per rispondere a queste domande, lo scrittore e editore Sofiane Hadjadj evocherà la cita d’Algeri e il suo passato coloniale, mentre Philippe Rahmy racconterà sua immersione à Shanghai e la scrittura del suo ultimo libro. Entrambi condivideranno con il pubblico le loro impressioni sulla citta che li accoglie oggi.
Gli scrittori Sofiane Hadjadj e Philippe Rahmy in conversazione con Gabriele Pedullà. Il 15 ottobre alle ore 19, ISR Roma. In francese e italiano.

> > Kei Miller ha vinto il Forward Prize

b14_miller santi

 

 

 

 

 

 

 

 

> > Guarda la galleria di immagini 2014 e il trailer 2014

> > Kamel Daoud, ospite di Babel nel 2013, ha vinto il Gran Premio dei Cinque Continenti della Francofonia e il Prix François-Mauriac 2014. È inoltre finalista al Goncourt e al Renadout. I racconti di Daoud si possono leggere in La prefazione del negro, Collana Alfabeti Babel, Casagrande 2013 .

> > Sofiane Hadjadj, ospite di Babel nel 2013 come editore di Daoud, è all’Istituto svizzero di Roma per una residenza da scrittore promossa da Babel.

> > È online la Rubrica babel su doppiozero. Prima uscita: una presentazione del festival a cura del suo direttore artistico, Vanni Bianconi, seguita da un Piccolo glossario della cultura caraibica, una preziosa mappa delle Antille in forma di abbecedario redatta dal grande scrittore martinicano Édouard Glissant.

> > È pronta l’antologia Asimmetrici arcipelaghi. Scrittori caraibici contemporanei, il primo libro pubblicato da infraBabel per questa edizione; il Magazine di Babel è on-line; i premiati del Premio Babel per la traduzione, Schiller Terra nova e Premio Keller sono ufficiali, e verranno festeggiati venerdì 12 prima della performance plurilingue di Bern ist Ueberall. Intanto, la stampa svizzera e italiana si occupa intensamente di Caraibi (qui alcuni contributi in rete Sole 24 ore, La Repubblica, RSI ReteUno (audio), Cooperazione (con ebook Earl Lovelace), Azione, Le Courrier).

> > Premio Babel per la traduzione a Stella Sacchini per Jane Eyre di Charlotte Brontë (Feltrinelli 2014). Leggi la motivazione. Il Premio è stato assegnato durante la cerimonia di apertura del festival.

> > Robert Antoni ha vinto l’OCM Bocas Prize for Caribbean Literature 2014 for Fiction

b14_antoni portrait

 

 

 

 

 

 

 

 

> > Everything is not a problem

- – - – - – -

Babel è il festival letterario centrato sulla traduzione, sia in senso stretto – scrittori che hanno uno stretto rapporto con più lingue o più culture a dialogo con i loro traduttori italiani, laboratori di traduzione, traduzioni tra le arti e pubblicazione di libri – sia come metafora di ospitalità linguistica, attraversamento e incontro.

Ogni anno Babel invita una lingua ospite, e questa si presenta sotto forma di scrittori, artisti, musicisti e traduttori: l’ungherese, le lingue balcaniche, gli inglesi uniti d’America, il russo, lo spagnolo messicano, le lingue della palestina, il polaccoil francese d’Africa e le lingue delle Antille, con ospiti come Derek Walcott, Amitav Ghosh, Mourid Barghouthi, Adam Zagajewski, Ismail Kadaré, Jamaica Kincaid, Ljudmila Ulickaja, Ruben Gallego, Paco Ignacio Taibo II, The Tiger Lillies, West-Eastern Divan Orchestra e András Keller.

Accanto alla programmazione letteraria, denominata «La parola oltre i confini», con «Oltre i confini della parola» Babel estende la sua ricerca agli altri linguaggi artistici. Completano il festival il Settore ricerca, Scuole, extraBabel, infraBabel.

Babel ha vinto il Premio svizzero di letteratura 2013 per la traduzione e mediazione letteraria e il Premio della Giuria

PRH_logo_DE_CMYKswisslosb-nNewLogoBzonaOrizG+N
LOGO_FondCulturelSud

fondazione-NewLogoGöhnerjanMICHALSKILOGO_UBSfondazioneCoop_CulturalogoIstIt

Partner logistici

HOI_Logotipo_FINALELOGO_HelsanaGRIGIO
Media partner
LOGO_Rete2LOGO_laRegione

babel_cat_small